«Digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico delle micro, piccole e medie imprese» era questo l’obiettivo che si era dato l’allora ministro Zanonato pensando ai cosiddetti “Voucher ICT”: diecimila euro per le piccole e medie imprese da spendere subito in innovazione tecnologica.

Dopo un lungo iter – ne parliamo dal dicembre del 2013 –  qualcosa sembra muoversi: il ministro Guidi ha infatti firmato una bozza di decreto sulla questione, in attesa delle coperture finanziarie (100 milioni di euro che dovranno essere “recuperati” dal ministro Padoan)

I contributi in forma di voucher, di valore non superiore a 10mila euro, dovranno favorire l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano uno tra sei tipi di attività: miglioramento dell’efficienza aziendale; modernizzazione dell’organizzazione del lavoro (anche mediante telelavoro); sviluppo di soluzioni di e-commerce; connettività a banda larga e ultralarga; collegamento alla rete internet mediante satellite, quindi con acquisto di decoder e parabole, dove non sono disponibili soluzioni fisse; formazione qualificata, nel campo dell’Ict, del personale delle Pmi.

Il contributo erogato dal Voucher ICT coprirà, a quanto sembra, solo il 50% dell’importo speso e comunque all’interno del valore “de minimis”. Nel caso in cui il budget di 100 milioni di euro non risulti sufficiente per tutte le richieste, il contributo singolo sarà ridotto proporzionalmente.

Stay Tuned!

Share This